sabato 19 dicembre 2009

Shoah. Ad Auschwitz rubata l'insegna 'Arbeit macht frei'

La famigerata insegna Arbeit macht frei, il lavoro rende liberi, che appariva all'ingresso dell'ex campo di concentramento nazista di Auschwitz-Birkenau in Polonia è stato rubato da ignoti. La polizia ha aperto una inchiesta sull'accaduto, mentre la prefettura ha garantito che verrà data la caccia agli autori del furto. L'ex campo di sterminio è chiuso di notte e controllato dalla vigilanza.

Gli inquirenti stanno ora vagliando le registrazioni delle videocamere che monitorano l'ex campo. Sorto nell'aprile del 1940, dopo l'occupazione della Polonia da parte di Adolf Hitler nel settembre 1939, il campo di concentramento di Auschwitz (nome in tedesco della cittadina che in polacco si chiama Oswiecim) divenne il simbolo dell'Olocausto.

Nel campo trovarono la morte oltre un milione di persone, in maggioranza ebrei. Il gerarca nazista Einrich Himmler aveva scelto Auschwitz come luogo anche per una fabbrica della industria chimica IG-Farben, nonchè per altre di vario tipo, tra cui aziende agricole, per sfruttare la manodopera dei prigionieri.

Fonte: Dazebao

5 commenti:

Piera ha detto...

bestie!

Archimede mancato Pitagorico ha detto...

roba da matti

Andrea De Luca ha detto...

no comment

Anonimo ha detto...

I inclination not approve on it. I over warm-hearted post. Especially the appellation attracted me to be familiar with the whole story.

Anonimo ha detto...

Genial fill someone in on and this enter helped me alot in my college assignement. Thank you for your information.