martedì 21 settembre 2010

Ecosia: il motore di ricerca ecologico



Ecosia è un motore di ricerca ecologico sostenuto da Yahoo, Bing e dal WWF. Funziona fondamentalmente come qualsiasi altro motore di ricerca ma, a differenza degli altri, dona almeno l’80% dei guadagni pubblicitari per sostenere un programma di protezione della foresta pluviale gestito dal WWF. Per questo, gli utenti di Ecosia possono salvare circa due metri quadri di foresta pluviale ogni ricerca effettuata – senza spendere un centesimo. Inoltre tutti i server di Ecosia, funzionando con energia verde, non producono emissioni di CO2. Utilizzando Ecosia, le tue ricerche in rete diventeranno ecologiche.

http://www.ecosia.org

Ringrazio Giuseppe De Luca per avervi informato dell'esistenza di Ecosia

7 commenti:

Francesca ha detto...

Grazie della segnalazione.

Mimmo Guarino ha detto...

Grazie per l'informazione. Lo provo subito.

Anto ha detto...

per onor di cronaca, ti devo segnalare che Paolo Attivissimo del blog "Il Disinformatico" ha fatto delle indagini in merito, mettendo in dubbio gli intenti del motore di ricerca Ecosia.
Qui puoi trovare l'articolo completo: http://attivissimo.blogspot.com/2010/01/ecosia-ci-possiamo-fidare-presto-per.html

Francesca ha detto...

Per Anto: grazie anche a te per la segnalazione. Ma allora ci possiamo fidare?

Ivo Serentha and Friends ha detto...

Ottimo,una scelta etica molto brillante,lo diffondiamo anche su Freedom.

Saluti

l'informatico ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
l'informatico ha detto...

ciao, grazie tante della segnalazione, se fosse vero sarebbe una bellissima cosa, spero che aiutino veramente a salvare la foresta pluviale, e non sfruttino invece questi ideali solo per avere più utenti e arricchirsi loro stessi, anche io come altri ho i miei dubbi, però è anche vero che loro dicono di donare i ricavi al wwf, e se non fosse vero penso che il wwf avrebbe già smentito, quindi nel dubbio, speranndo di portare utenti che aiutino a salvare la foresta amazzonica, dato che questa notizia riguarda anche l'informatica visto che si parla di un nuovo motore di ricerca, farò anche io un articolo di ecosia sul mio blog, dove però parlerò anche abbastanza dei miei dubbi, perchè se poi si rivela tutto una bufala, non mi va di aiutare queste persone a far credere che fanno una bella cosa se non è vero, parlerò di ecosia ma anche dei miei dubbi, sperando che aiutino davvero l'ambiente, grazie ancora per l'utilissima segnalazione