sabato 16 ottobre 2010

La Russa il fascista

Volete sapere l'ultima di La Russa? Ebbene, vuole riportare in Italia, in occasione del 150° anniversario dell'Unità d'Italia, le salme di Vittorio Emanuele III e di Umberto II, gli ultimi due re d'Italia. «Si tratta di un gesto che rinsalda la comune appartenenza alla nostra storia italiana», le sue parole.

Ma anche no! Invece di pensare ai re, La Russa dovrebbe pensare a riportare a casa i nostri soldati dall'Afghanistan. Inoltre, La Russa dimentica (o fa finta di non sapere) che Vittorio Emanuele III ha firmato le leggi razziali ed è scappato dall'Italia lasciando il paese allo sbaraglio e in mano ai nazisti. E' la storia che lo dice, non di certo io.

Non c'è niente da fare, La Russa non riesce proprio a farsi piacere la nostra Repubblica nata nel dopoguerra e non perde occasione di far sventolare il proprio vessillo fascista.


7 commenti:

Giovanni Greco ha detto...

Evidentemente è ancora legato al passato, non rinnega le sue origini...

Daniela ha detto...

Purtroppo nemmeno i morti sono tutti uguali.

Graziano ha detto...

E' un onore leggere parte del mio post sul tuo importante blog. Grazie ancora.
http://cavecanemenonsolo.blogspot.com/2010/10/la-russa-il-fascista.html

La poeta ha detto...

Ignazino vuole accaparrarsi la simpatia di qualcuno...

Francesca ha detto...

Come tutti i Berlusconiani doc, le idee gli vengono appena si sveglia la mattina, giusto per far vedere che lavora!

Il blog di Mimmo Guarino ha detto...

La Russa può fare tutte le proposte che vuole, può fare quello che gli pare, tanto nel paese non c'è nessun dibattito. Né su i problemi di oggi né tanto meno su quelli legati alla storia passata.

Andrea De Luca ha detto...

La Russa non si smentisce mai. E' solo un esaltato fascista