mercoledì 7 luglio 2010

Protesta pacifica degli aquilani a Roma. Manganellate ai manifestanti

L'Aquila versa in una situazione critica. Gli aquilani esasperati oggi pomeriggio sono giunti a Roma in migliaia. Volevano protestare davanti al Parlamento perché dal primo luglio hanno ricominciato a pagare le tasse. Due blindati dei carabinieri hanno chiuso l'accesso a via del Corso da piazza Venezia ma un gruppo, un centinaio di persone, ha cercato lo stesso di superare lo sbarramento ed è entrato in contatto con le forze di polizia. Tafferugli e spintoni, tre feriti, ma nessuno è riuscito a superare la barriera delle forze di polizia che sono schierate in assetto antisommossa. A riportare la calma ha pensato il sindaco dell'Aquila Cialente, che è riuscito a convincere i più agitati a fare qualche passo indietro e a tornare a piazza Venezia. Ma negli scontri ha preso delle manganellate. E lo stesso è toccato a 3 persone che facevano parte del servizio d'ordine del corteo.

1 commento:

Alessandro Cavalotti ha detto...

Vergogna a cui le parole di Frattini aggiungono altra vergogna...