giovedì 2 agosto 2012

Bologna, 2 agosto 1980. La più grande strage italiana di terrorismo

Alle 10.25 del 2 agosto 1980 una valigia lasciata nella sala d’aspetto di seconda classe, contenente 20 chili di esplosivo militare militare gelatinoso, esplode sbriciolando la sala d’aspetto, sfondando quella di prima classe, due vagoni del treno Ancona-Basilea sventrati come il ristorante. In pochi secondi 85 morti e 205 feriti di cui 70 con invalidità permanente. La più grande strage italiana di terrorismo. In trent’anni sono stati condannati due manovali neo-fascisti Francesca Mambro e Giusva Fioravanti ma non conosciamo ancora i mandanti e i complici che lavorarono a un gigantesco depistaggio che non è ancora finito.

La strage di Bologna parla così alla nostra memoria e noi dobbiamo ricordarlo se crediamo alla nostra costituzione e agli uomini e donne migliori della repubblica.

2 commenti:

Sara ha detto...

Ricordo come fosse oggi, quel giorno. Giocavo nell'aia di casa e la vicina di casa si affacciò alla finestra, richiamando la nostra attenzione: "Un mucchio di morti a Bologna! è scoppiata una caldaia in stazione".
La caldaia...

cristiana2011 ha detto...

GIUSTO!!!
Cristiana